Conservare la memoria.

Archivio di Stato di Novara
L’Archivio di Stato fu istituito con DM 18 marzo 1970 e aperto al pubblico due anni dopo. Attualmente diretto dal Dottor Davide Bruno De Franco, ha sede nel seicentesco monastero agostiniano della Maddalena che, soppresso in epoca napoleonica, non tornò più a utilizzi religiosi. La chiesa del convento fu adibita ad Archivio Notarile ed ospita ancora oggi, in una spettacolare struttura lignea, ideata nell’ottocento dall’architetto Luigi Orelli, le filze dei notai della Provincia. Presso l'Archivio si trovano fondi documentali relativi in prevalenza al Medio e Basso Novarese, ma anche al Verbano e all’Ossolano, alla Valsesia ora Vercellese, al Vigevanasco e alla Lomellina, ora pavesi.
Da qualche anno l'aula della chiesa viene anche utilizzata quale sede di mostre, conferenze e concerti, in collaborazione con l’Associazione Scrinium-Amici dell’Archivio di Stato.

Conservare il patrimonio culturale.

Materiali per la ricerca

Enti ed Associazioni